Carte Prepagete per Minorenni

Carte prepagate per minorenni – Le migliori a confronto!

Ultimo aggiornamento: 15-11-2019
Hype
Tipo:
Carta Prepagata
Circuito:
MasterCard
Costi:
Canone annuale:
GRATIS (per sempre)
Emissione:
0€
Limiti:
Limite de spesa:
2500 € / Giorno
Limite di prelievo:
250 € / Giorno

Vantaggi di questa carta: ★ Disponibile a partire da 12 anni ★ Carta associata a IBAN ★ Include programmi di Cashback ★ App accessibile e intuitiva ★ Pagamenti via mail e telefono ★ Effettuare bonifici gratis

YAP
Tipo:
Carta Prepagata
Circuito:
MasterCard
Costi:
Canone annuale:
0€ / Anno
Emissione:
9,95 €
Limiti:
Limite de spesa:
1500€ / Giorno
Limite di prelievo:
250 € / Giorno

Vantaggi di questa carta: ★ Disponibile anche under 18 ★ Dotata di codice IBAN ★ Collegata a MasterCard e Nexi ★ Associata a Google Pay e Apple Pay ★ Pagamenti diretti ai contatti ★ Ricarica senza commissioni

Carte prepagate per minorenni

Sono sempre più frequenti le carte prepagate che offrono soluzioni pensate apposta per minorenni per permettergli di gestire le proprie finanze sotto la supervisione di un adulto. Una carta prepagata per minorenni solitamente presenta le stesse caratteristiche e funzionalità di una carta prepagata normale. Ma la principale differenza di una carta intestata a un minorenne è il fatto che per poterla rilasciare è necessaria la firma che ne attesti il consenso di uno dei due genitori. Ovviamente questo passaggio è necessario per evitare che le carte possano essere utilizzate dai minorenni senza che i familiari ne siano a conoscenza.

Nella maggior parte dei casi le carte sono pensate per minorenni che hanno già compiuto 14 anni, ma si possono trovare soluzioni che permettono di intestare una carta anche a ragazzi di 11 anni. Il vantaggio principale di questo genere di strumento è la possibilità di prelevare contante in qualsiasi sportello ATM o di pagare tramite POS, permettendo a un minorenne di portare con sé somme di denaro liquido decisamente inferiori rispetto a quanto era necessario fare in passato.

Quali sono le caratteristiche principali delle carte prepagate per minorenni

Si tratta di carte prepagate che devono avere delle caratteristiche ben precise. Innanzitutto, la prepagata deve essere intestata a una persona che non ha ancora compiuto 18 anni e per farlo è necessaria la firma di uno dei genitori che avrà la responsabilità di compilare il contratto e seguire le pratiche per l’immissione della carta.

Una delle ragioni principali per cui un genitore decide di affidare a un figlio minorenne una carta prepagata è il suo utilizzo durante un viaggio di studio all’estero. La maggior parte delle carte prepagate per minori utilizza circuiti bancari affidabili come Visa e MasterCard per dare la possibilità di poterla utilizzare in qualsiasi ATM o per pagamenti senza contanti in qualsiasi luogo in cui è accettato il circuito a cui si appoggia la carta. Permettendo inoltre di poterla ricaricare in qualsiasi momento velocemente e in maniera praticamente istantanea.

Quali sono i limiti di una carta prepagata per minorenni

Un altro motivo per cui un genitore potrebbe decidere di aprire una carta prepagata per il figlio è quello di responsabilizzarlo riguardo al valore del denaro o quello di eliminare l’utilizzo di contanti. In entrambi i casi un aspetto importante di queste carte sono i limiti, per forza di cose, differenti rispetto a quelli di una carta prepagata normale.

Il punto principale che differenzia i limiti di carte prepagate per i minorenni con quelle normali è il plafond, vale a dire l’importo che è possibile spendere presente sulla propria carta, e gli importi che si possono prelevare in un giorno o in un mese. Questo genere di funzione serve per limitare le spese e fare in modo che i genitori possano controllare in maniera più semplice le attività dei propri figli.

Quali sono i costi di una carta prepagata per minori

I costi di una carta prepagata per minorenni sono piuttosto limitati, come nel caso di carte prepagate normali si può incorrere in commissioni sui prelievi e sulle ricariche effettuate agli sportelli o con altri metodi. In entrambi i casi i costi sono solitamente inferiori rispetto a quelli delle carte normali per poter venire incontro alle esigenze e alla contabilità limitata dei giovani.

Come possono fare i genitori a controllare una carta prepagata dei figli

Come abbiamo già detto i genitori hanno un ruolo importante nella gestione, ma soprattutto nel momento dell’immissione di una carta prepagata per un minorenne. Infatti, saranno loro a dover attivare la carta compilando il modulo in banca, in posta od online fornendo i propri dati e la firma sul contratto.

Durante queste procedure in cui accompagna il minore fornendo anche i propri documenti il genitore si impegna, in maniera ufficiosa, a controllare e gestire il saldo e i movimenti della carta prepagata del proprio figlio. Questo sarà possibile grazie alle app e ai portali con cui gli istituti di credito e le società che hanno rilasciato lo strumento finanziario in questione permettono di controllare tutti i movimenti e il saldo della carta.

Gli strumenti messi a disposizione dalle banche permettono di controllare responsabilmente le transazioni effettuate con la carta in modo da poter prevenire o evitare che il minorenne effettui spese eccessive e nello stesso tempo permette di avere un mezzo molto efficace per aiutare proprio figlio a capire come gestire il proprio denaro in maniera corretta.

Un altro aspetto molto importante da controllare quando si sceglie la prepagata sono le ricariche della carta e di cui i genitori hanno responsabilità assoluta in quanto il solo minore non ha la possibilità di ricaricare di persona la propria carta. Recandosi in una filiale della banca o delle poste per ricaricare la propria carta sarà, infatti, necessario fornire il documento del genitore titolare della carta.